Un successo comincia sempre da una buona idea

Come nasce FEET30

Dall'idea che Francesco "Ciospo" Allegri e Giovanni Rosti, imprenditori e velisti con un trascorso importante alle spalle, estendono a Mauro Uggè, già responsabile di cantiere di vari consorzi italiani di Coppa America, ed a Maurizio Cossutti, ingegnere navale e progettista plurititolato, dopo aver riscontrato nelle proprie aziende che, come sempre, la politica vincente è "il giusto rapporto tra qualità e prezzo", e si convincono che si può fare: estendere questo concetto nel mondo della vela, che tanto e da tanto ha inciso nella loro vita. Dopo un anno di attentissime ed ancor più accorte valutazioni e riflessioni, confortati dai risultati degli studi di fattibilità, coinvolgono anche Davide Mannatrizio, avvocato velista, e insieme costituiscono la BS BOATS S.R.L., con sede a Brescia.

E partono dal primo presupposto che sia arrivato il momento di chiamare le cose con il loro nome, in un mondo dove spesso il pressapochismo, purtroppo, la fa da padrone. Serve dunque qualcosa di chiaro, inequivocabile, perché ritengono che al tempo stesso sia tornata l'ora di riportare gli Armatori alle regate ed alla passione per la vela, costretti, da tempo ormai, a regatare con barche vecchie o continuamente rieditate, con regolamenti obsoleti e poco trasparenti, sempre alle prese con un'infinità di problematiche: costi iniziali difficilmente avvicinabili e successivamente sempre e comunque con la mano al portafoglio, equipaggio, trasferimenti, vele, motore, manutenzione ordinaria , variabili ed imprevisti. E lo stesso discorso vale, in buona parte, anche per tutti coloro che amano la navigazione e non necessariamente la regata, il grande e libero mondo dei diportisti.

FEET30 nasce dunque per tutti coloro che si rivedono in quanto sopra, regatanti carichi di adrenalina, ma anche per tutte quelle persone che amano vivere l'acqua ed il vento a modo loro: perché l'intento con il quale nasce FEET30 è proprio questo !

FEET30:
una barca da scoprire...

Regata

  • Una barca altamente performante, con la quale regatare ad armi pari, in strettissima monotipia, sul concetto olimpico della vela, contraddistinta da una scelta progettuale "interessante", una barca divertente, ma ancor prima una barca sicura e affidabile.
  • Alta abitabilità interna

  • Gli interni, che prevedono una cuccetta doppia a prua, due singole laterali verso poppa, un lavandino, un fornello, una ghiacciaia coibentata ed un wc marino fisso, dato che l'albero appoggia in coperta e che il baglio massimo della barca è 2,50 m e che l'altezza in cabina è 1,50 m, lasciano uno spazio difficilmente riscontrabile in una barca di questa categoria, quella dei race cruiser.
  • Motore:
    rispetto dell'affidabilità e della sicurezza

  • La propulsione è data da un motore entrobordo Lombardini LDW-502 Diesel (12,6 HP / 9,3 kW), con piede S-drive a pale abbattibili e relativa batteria ricaricabile, atto a garantire, dato il limitato consumo orario di gasolio e la generosa capacità del serbatoio, la copertura di lunghe distanze, tanto importante per i regatanti che dovessero raggiungere lontani campi di regata in assenza di vento, quanto per i croceristi che invece volessero affrontare, magari per vacanze in questo caso, lunghi trasferimenti. E' bene sottolineare che, in qualità di propulsione di ultima generazione, è un motore decisamente "silenzioso" e di poca vibrazione, il che non potrà che far piacere a tutti i naviganti.

    FEET30:
    ... e da conoscere

    Crociera

  • Una barca su cui abbiamo adottato soluzioni tecniche volte alla semplicità ed alla comodità, che andrà a collocarsi in una fascia di mercato dove probabilmente manca un'offerta così specifica, accorta e completa.
  • Carrellabile

  • La barca pesa 1950 kg, è lunga 9,23 m ed è larga 2,49 m. Tutto questo, unito al fatto che l'albero non è passante e che quindi può venire appoggiato rapidamente e con poca fatica in coperta, ed al fatto che il bulbo viene sfilato da sotto l'imbarcazione, la rende facilmente carrellabile.
  • Una barca asciutta

  • FEET30 è una barca asciutta, perché non ha l'albero passante, perché non ha il bompresso retraibile, perché non ha la linea d'asse d'elica, perché non ha collegamento tra i gavoni in coperta, che sono realizzati "a cesta" con scarico diretto in pozzetto, e gli interni. E per evitare la condensa che si può formare all'interno della barca, in posizione da definire, è collocata una ventola a energia solare in continuo lavoro, atta a garantire l'assenza della formazione di umidità.

FEET30:
opportunità ed agevolazioni

  • Stiamo definendo interessanti e dedicati accordi tra la nostra Società e le più importanti velerie presenti sul mercato italiano, per dare comunque, nell'ambito del miglior standard della Classe FEET30, una possibilità agli Armatori di scelta, per qualità, prezzo e scontistica, sempre ai massimi livelli, oltretutto coinvolgendoLe direttamente in quella che noi riteniamo essere la bontà del nostro progetto, affinché anche la loro diretta presenza ed esperienza sia voce di rilievo e riferimento.
  • Con la stessa volontà stiamo trattando con società di leasing con le quali già lavoriamo da tempo, per offrire alla nostra clientela, specie se di privato si tratta, oltre alla migliore quotazione,  anche la possibilità di usufruire di questa opportunità.
  • Lo stesso discorso vale anche per le aziende che costruiscono carrelli per il trasporto, con le quali stiamo cercando il prodotto adatto alla nostra barca, che sia assolutamente affidabile, adeguato, sicuro e logicamente ad un prezzo altamente concorrenziale.

  • Sarà invece discrezionale, nel doveroso rispetto delle richieste già sollevate da più parti, la possibilità di scelta da parte dell'Armatore: della strumentazione, dell'eventuale antivegatativa, del colore della cuscineria interna e del tipo di invaso (per esempio, con possibile adattabilità al carrello). Con inoltre la possibilità che il w.c. ed il lavandino possano essere forniti con anche l'impianto di raccolta delle acque nere, laddove e quando le normative di navigazione (laghi svizzeri, ad esempio) lo richiedessero. E la consegna della barca, come di norma, avverrà franco cantiere. Tutto quanto sopra verrà quindi necessariamente quantificato in sede di trattativa e di consegna dell'offerta dettagliata, allegando le specifiche con relativi dati e numeri.


  • Continua